Lugano

OSSERVATORIO MOBILIARE N. 161

L’ipotesi di lavoro di mezza estate che indicava come alternativa probabile una fase laterale di recupero nei valori degli indici a correzione dell’ipervenduto tecnico causato dalla prima marcata fase di ribasso avviatasi al termine del 2021, risulterebbe confermata.

Continua a leggere

MARKET OBSERVER N. 159

During the past week the primary Western central banks, the FED, the ECB and the SNB, put their cards on the table, openly declaring that they intend to raise their respective key rates well beyond what the international securities markets were already discounting, as evidenced by the decline in equity indices and the increase in bond yields since the beginning of the year.

Continua a leggere

OSSERVATORIO MOBILIARE – N° 157

In relazione alla tendenza di fondo dei mercati azionari internazionali, le attività belliche avviatesi in Ucraina esattamente due mesi orsono, rappresentano una sorta di specchietto per le allodole, nel senso che l’insistente comunicazione relativa alle stesse, contribuisce a celare le reali problematiche che già da inizio anno avevano iniziato a preoccupare gli addetti ai lavori.

Continua a leggere

OSSERVATORIO MOBILIARE – N° 156

Per i mercati mobiliari internazionali le idi di marzo coincidono con una sorta di tempesta perfetta, costituita dalla concomitanza tra politiche monetarie restrittive da parte delle principali banche centrali, abnormi incrementi del prezzo dei combustibili fossili con la conseguente recrudescenza inflativa e l’invasione russa dell’Ucraina.

Continua a leggere

MARKET OBSERVER – N° 153

The working hypothesis presented at the end of the summer, relating to the probability of a modest stock market correction of 5% from the recent highs of the indices, occurred promptly. In fact, for several weeks, the primary indices had consolidated close to the highs of the period without finding new upward stimuli, confirming a technical distribution situation.

Continua a leggere

Osservatorio Mobiliare – N° 153

L’ipotesi di lavoro avanzata a fine estate, relativa alla probabilità si potesse verificare una modesta correzione borsistica nella misura del 5% rispetto ai recenti massimi degli indici si è puntualmente verificata. In effetti per diverse settimane i principali indici avevano consolidato a ridosso dei massimi di periodo senza trovare nuovi stimoli al rialzo, a conferma di una situazione tecnica distributiva.

Continua a leggere

MARKET OBSERVER – N° 152

After the brief consolidation phase registered by the world stock indices in September, stocks have regained buyer interest, as evidenced by the S&P 500 index hitting yet another all-time high close to 4700 points, a level that this summer seemed achievable only at the beginning of 2022.

Continua a leggere