Mobiliare

OSSERVATORIO MOBILIARE – N°164

Il combinato disposto di prezzi energetici alle stelle a causa della guerra in Ucraina, di un’abnorme liquidità dopo un decennio di stimoli monetari, dell’interruzione delle filiere di approvvigionamento industriali in relazione ai blocchi Covid e della difficoltà a reperire manodopera a causa dei sussidi a pioggia, ha creato la tempesta perfetta.

Continua a leggere

OSSERVATORIO MOBILIARE N. 162

Le prossime due ottave borsistiche che precedono le elezioni di medio periodo per il parziale rinnovo del Congresso USA, potrebbero comportare delle inattese novità, nel senso che l’amministrazione Biden, confrontata con il serio rischio di perdere ambedue le camere, anche se al Senato sussista un marginale vantaggio per i democratici, avrebbe ancora il tempo di proporre delle ulteriori iniziative riguardo il conflitto Ucraino, prima di divenire eventualmente un’“anatra zoppa”, con conseguenze difficilmente valutabili.

Continua a leggere

OSSERVATORIO MOBILIARE N. 159

Durante la scorsa ottava le principali banche centrali occidentali, FED, BCE e BNS, hanno messo le carte in tavola, dichiarando apertamente che intendono aumentare i rispettivi tassi guida ben oltre quanto i mercati mobiliari internazionali stessero già scontando, come testimoniano il ribasso degli indici azionari ed il rialzo dei rendimenti obbligazionari intervenuti da inizio anno.

Continua a leggere

Osservatorio Mobiliare – N° 153

L’ipotesi di lavoro avanzata a fine estate, relativa alla probabilità si potesse verificare una modesta correzione borsistica nella misura del 5% rispetto ai recenti massimi degli indici si è puntualmente verificata. In effetti per diverse settimane i principali indici avevano consolidato a ridosso dei massimi di periodo senza trovare nuovi stimoli al rialzo, a conferma di una situazione tecnica distributiva.

Continua a leggere

Osservatorio Mobiliare – N° 152

mondiali nel mese di settembre, i listini hanno ritrovato l’interesse della domanda, come testimonia l’indice S&P 500 reduce da un ennesimo massimo storico a ridosso di quota 4700 punti, livello che questa estate sembrava raggiungibile solo con l’avvio del 2022.

Continua a leggere